QUARANTA PENDOLARI SUI BINARI, IN ATTESA DI SOCCORSI CHE NON ARRIVANO

 

martedì 3 maggio 2016

Il treno che da Guastalla porta a Reggio Emilia è nuovamente in panne.
Sono mesi che seguiamo i gravissimi disagi che i pendolari della zona subiscono. Questa mattina l’ennesimo.
Siamo stati contattati, da alcuni membri del comitato pendolari della zona.
I pendolari saliti sul treno T.Per, partito da Novellara alle 8.16, all’altezza di San Giovanni di Novellara sono già fermi. C’è un guasto.
Ci sono a bordo oltre 40 persone tra lavoratori e studenti che sono bloccati su un binario dove non passa alcun mezzo. T.Per contatta SETA, perchè invii un bus in soccorso dei pendolari bloccati, ma la comunicazione non va a buon fine. Il bus, invece che recarsi alla stazione, rimane sulla provinciale.
Non trovando persone ferme lungo la strada il bus torna indietro vuoto. I pendolari però erano rimasti al binario, al sicuro, lontani dalle auto che sfrecciano sul rettilineo.
Solo alcuni, ormai troppo preoccupati al pensiero di ritardare nuovamente un appuntamento di lavoro o scolastico, si spostano sulla provinciale in cerca di qualcuno che si fermi al segno di “autostop”.
Dopo oltre tre ore i pendolari sono ancora fermi, bloccati, con tutti i loro appuntamenti ed impegni saltati. Nessun bus, nessun nuovo treno, nessuna ulteriore comunicazione.
Non si capisce se per risolvere seriamente questo problema che isola paesi e cittadini virtuosi che non vogliono o possono permettersi un mezzo proprio, si debba aspettare che qualcuno si ferisca nel tentativo di fare l’autostop o se invece ci sia la seria e reale volontà di risolvere DEFINITIVAMENTE questo grave problema, che nel 2016 a Reggio Emilia è davvero insopportabile.

Conferenza stampa: “TRUFFATI! Raggiri, inganni e altre catastrofi”

Si è svolta ieri la conferenza stampa degli spettacoli “TRUFFATI! Raggiri, inganni e altre catastrofi”, in cui sono intervenuti, l’Assessora Maramotti (Assessorato sicurezza), il luogotenente Marco Orsolini, il presidente di FEDERCONSUMATORI Reggio Emilia Giovanni Trisolini, la vicepresidente di Auser Vera Romiti, la delegata dell’assessorato dei Servizi Sociali Alessandra Margini, e la produttrice dello spettacolo Maria Anotonietta Centoducati.

Gli spettacoli, avranno luogo in diversi centri sociali della nostra città, dove al termine di ogni  rappresentazione, si terrà un dibattito. I due protagonisti, accompagnati da un pianoforte, mettono in scena truffe reali a discapito dei nostri concittadini, ma non solo agli anziani:tanti giovani attirati dal commercio online, non si fanno scappare “offerte” che sembrano vere, ma che in realtà sono solo bufale e che spesso a rimetterci è il caro portafoglio.

I truffatori si immedesimano in varie professioni: carabinieri, funzionari del gas, avvocati, ecc, facendo così passare per impostori anche le persone che svolgono veramente quel ruolo. E’ capitato spesso che per un controllo, i condomini non aprissero agli agenti di polizia e carabinieri. Diventa dunque importante approfondire l’argomento in modo tale da non fare troppo allarmismo e di non trattarlo con troppa superficialità.

Ecco che uno spettacolo, può aiutare a capire le modalità dei pericoli in cui possiamo incorrere, grazie alla raccolta di testimonianze vere, rappresentate nel classico schema truffato-truffatore e interpretato dagli attori Maria Antonietta Centoducati, Gianni Binelli e dal musicista Ovidio Bigi.

L’iniziativa è nata nell’ambito del progetto SOS TRUFFA che unisce da luglio 2015 Federconsumatori Reggio Emilia, Spi, Auser Reggio Emilia, forze di polizia e il Comune di Reggio Emilia. La prima rappresentazione si è svolta a Rubiera e ne seguiranno altre fino a luglio.volantino generale spettacoliconferenza stampa truffati-prima pagina reggio emiliaCONFERENZA STAMPA TRUFFATI GAZZETTA DI REGGIO

 

 

 

 

 

 

 

 

I nostri spettacoli: TRUFFATI!

TRUFFATI!

Raggiri,inganni e altre catastrofi

Testo a cura di Maria Antonietta Centoducati

Con Maria Antonietta Centoducati e Gianni Binelli (attori)

Ovidio Bigi (pianoforte)

Come difendersi da truffe e raggiri? Come tutelare i cittadini dagli inganni del crimine? E come aggiornarsi su tecniche e strategie sempre più raffinate, messe a punto di recente dai truffatori scaltri del terzo millennio?

Le truffe diventano uno spettacolo.

In collaborazione con FERCONSUMATORI, SPI e AUSER di Reggio Emilia, le truffe vanno in “scena”.

Veri e propri casi reali tra i tanti che riempiono le notizie dei quotidiani. L’idea è stata proprio quella di attingere alla casistica delle truffe commesse sul territorio.    A ben vedere, le truffe stesse assomigliano a recite teatrali e se vanno a segno vengono ripetute, in una sorta di malefica tournée. 

Moltissimi non denunciano la truffa per il senso di vergogna che provano a essere stati raggirati. Se teniamo presente questo, si fa in fretta a comprendere che il fenomeno è più vasto di quanto non indichino le statistiche che si basano sulle denunce.

Lo spettacolo mette in scena diversi episodi che riguardano le classiche truffe di raggiro agli anziani, le truffe on.line, le truffe per strada, ma non solo, è rivolto a tutti: racconta di truffe che possono colpire chiunque, proprio perché, solo quando ci accade, ci rendiamo conto quanto sia facile diventare bersaglio di questi raggiri.

Al termine dello spettacolo seguirà dibattito con esperti di Federconsumatori e degli altri soggetti aderenti al progetto.

Durata spettacolo: 45/50 minuti

volantino generale spettacoli